Scoprire la Valconca su due ruote: ecco la ciclabile per tutti

Luce pura per gli occhi: ecco a voi…la Pista ciclopedonale del Valconca!

Sono sincera, non mi viene affatto facile parlare di un luogo non ancora -ahimé- attraversato con le mie “gambotte” scalpitanti, eppure, questa volta, i racconti appassionati degli amici che conoscono la Valconca in lungo e in largo mi bastano per dipingere una realtà talmente meravigliosa che si presenta da sé, diretta, come dato concreto di spettacolare natura, senza filtri culturali aggiuntivi.

Il percorso naturalistico che si stende, comodo e sereno, sul fiume Conca, si presenta come risultato fertile di un progetto territoriale  di valorizzazione ambientale e paesaggistica fortemente voluto dalla Provincia di Rimini, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna e i comuni attraversati dal torrente in questione, al fine di preservare lo splendido patrimonio naturale della nostra florida Romagna.

Il percorso naturalistico interessa il territorio di ben quattro comuni della Provincia riminese: Misano Adriatico e San Clemente sulla sponda sinistra, San Giovanni in Marignano e Morciano di Romagna sulla sponda destra, costituendo, in questo modo, un armonioso anello tra il Comune di Morciano a monte e il bacino del Conca a valle, già predisposto a collegarsi con i percorsi ciclabili esistenti e affacciati sul mare.

All’interno di questa spettacolare porzione di terra sono presenti notevoli punti di interesse naturalistico-fruitivo: il bacino del Conca, con le sue aree umide e i suoi ghiaioni, favorisce, infatti, la presenza di avifauna diversificata; l’oasi del WWF mostra, con orgoglio, un’area attrezzata per l’osservazione delle varie tipologie di uccelli; numerosi piccoli bacini lacustri si intrecciano a floridi paesaggi agricoli; il campo da golf raccoglie ampie frequentazioni presso San Giovanni in Marignano, insieme alla traccia della “fossa dei mulini” e al guado “Asmara”, situato circa a metà percorso; e non si dimentichi, per cortesia, l’antica e fascinosa Abbazia di Morciano, i suoi campi volo e gli eleganti maneggi rivolti verso l’intero abitato circostante.

Crocevia di piccole, grandi, prelibate bellezze, il percorso ciclopedonale “valconchiano” permette di accedere facilmente e in sicurezza alle aree verdi, di sostare, di giocare e di usufruire, al tempo stesso, di paesaggi mozzafiato.

La Valconca abbraccia ogni manifestazione di vitalità, da brava madre innamorata delle sue creature; ecco perché, di fianco a giochi a molla, altalene, panchine e rigeneranti tavoli da pic-nic, è stato installato uno spazio adibito a Bike park, articolato in 300 metri lineari di pista in cui sono stati tempestivamernte inseriti ostacoli e giocose sfide: perché il relax che ritempra le membra affaticate cammina di pari passo a momenti accesi di svago incalzante!

Fiore all’occhiello e diamante prezioso cullato da generose braccia romagnole, questa splendida cerniera verde, che collega il mare al suo entroterra, è realtà ricca anche di valenze internazionali, dal momento che, sin dai suoi esordi, la pista ciclopedonale del Valconca è stata salutata e riconosciuta come primo esempio, in Emilia Romagna, di sperimentazione e pianificazione partecipata, sulla base della Convenzione europea del paesaggio.

A questo punto, le parole da scrivere trovano la loro meta finale e l’approdo conclusivo; il passo, ora, che mi resta da compiere è semplice e irresistibile: inforcare la prima bicicletta a portata di mano e… pedalare, alla scoperta di una nuova fetta di vita tutta da gustare !

Valentina

Lascia un Commento